chi siamo - Cure Anomalies - cover band

Vai ai contenuti

Menu principale:

chi siamo

I Cure Anomalies, sono una Band Romana che esegue cover dei Cure, composta da 5 elementi:


- Giuseppe Bellobuono: chitarre
- Daniele Massimi: tastiere, chitarre
- Francesco Undertrain Latini: batteria
- Massimiliano Lanzo: basso
- Gypsy Lonoce: voce, chitarre

I Cure Anomalies sono nati nell’agosto del 2012 e si sono affermati in questi anni con i loro concerti nel panorama musicale romano ottenendo ottimi consensi di pubblico e di critica.

Questa cover band dei CURE, differenziandosi da altre, non fa di cerone, rossetto e capelli sparati l’elemento più importante dello show ma punta tutto su una esecuzione di sintesi sonora e ricerca delle atmosfere tipiche dark. Il motto della band è NO IDOLATRY, JUST ANOMALY.

I componenti provengono da varie esperienze musicali precedenti e interessi diversi:

▦ Giuseppe Bellobuono, (chitarrista) è un esperto di musica, collezionista di vinili, Dj radiofonico e blogger musicale;

▦ Daniele Massimi, (tastierista/chitarrista) è un grafico multimediale, Dj radiofonico e blogger musicale;

▦ Francesco Undertrain Latini, (batterista) è un musicista con pluridecennale esperienza e suona in diverse band tra cui quella degli EXCITER’S (musica originale e tributo ai DEPECHE MODE);

▦ Massimiliano Lanzo (bassista) è un musicista di provata esperienza che ha suonato di tutto: dai Fields of the Nephilim ai Bauhaus, dai Joy Division agli Stooges, dai Sound ai Jesus and Mary Chain; fa parte dei seguenti gruppi: - VISIONARY FLOWERS (dark & psych band, guitars & synths), - PSYCHODARK (DJ set), - THE CAB (Bauhaus cover band, bass), - COLDBEAT (Sound cover band);

▦ Gypsy Lonoce (cantante).


La band ha all’attivo moltissimi concerti e diverse apparizioni come Special Guest in alcune manifestazioni musicali che si sono svolte in molti locali di Roma e dintorni: Geronimo’s, Locanda Blues, JailBreak, Traffic Club, Caffè letterario, Pride Pub, Red Jack (Fiumicino).

I set list dei loro concerti fanno riferimento principalmente ai primi album dei Cure, fino al loro album DISINTEGRATION e qualche brano dall’album WISH, per un repertorio (in continuo aggiornamento) di circa 40 pezzi (da Boys don’t cry, Play for today, A Forest, a The Drowning Man, The Figurehead, fino ai classici In Between Days, Charlotte Sometimes, Lovesong, Lullaby, ecc…). Nei live, ai brani più famosi, si abbina, a volte, tutto l'album SEVENTEEN SECONDS per intero, come se fosse un concept, sempre con visual originali create ad hoc che accompagnano comunque, quando possibile, tutte le performance del gruppo.

 

 

 
news | chi siamo | concerti | contatti | Mappa generale del sito
Copyright 2018. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu